martedì 25 luglio 2017

Torta cuore di panna ... cuore di mamma




Giorni frenetici sono trascorsi a casa mia, si è respirata un'aria diversa, da una parte il mio secondogenito alle prese con la maturità, dall'altra parte io, consapevole che un ciclo si conclude, il cucciolo sta per spiccare il volo e che presto le cose cambieranno.
Fa caldo... ma per festeggiare l'ultimo giorno di esami, peraltro andati alla grande, penso di preparare un dolce, un dolce diverso, semplice, da mamma ...
Nei giorni dediti allo studio, la sua pausa merenda, era fatta di gelati, cornetti .. si quelli, ma panna e cioccolato perché le nocciole sono off-limits (infatti le ho usate per decorare i singoli pezzi) e allora perché non preparargli la torta cuore di panna?
E' semplice, veloce e fresca e ricorda in tutto e per tutto i famosi gelati!

INGREDIENTI: per 10 p

Per la base biscotto:
- Biscotti frollini misti, 300 g (oppure tipo Digestive)
- Burro, 140 g

- Ridurre in polvere i biscotti e far sciogliere il burro a bagnomaria.
- Versare la polvere di biscotti in una capiente ciotola, aggiungere il burro intiepidito e mescolare ben bene. Il risultato finale deve apparire come sabbia bagnata.
- Rivestire con carta forno,  fondo e pareti di uno stampo a cerniera da 24 cm di diametro, pressare bene e mettere in frigo per un paio d'ore.

Per la crema:
- Panna fresca, 300 ml
- Latte condensato, 200 ml
- Vaniglia in polpa q.b.

- Montare la panna ben fredda con la vaniglia, aggiungere il latte condensato e mescolare delicatamente e in questa fase, se piace, aggiungere 50 gr di gocce di cioccolato.
- Livellare la crema sulla base di biscotti, e passare in frigo per almeno 5/6 ore.

Per il decoro.
- Cioccolato fondente, 150 g
- Burro fuso, 30 g
- Nocciole, 50 g

- Fondere il cioccolato con il burro, lasciar intiepidire e decorare la torta a piacere, guarnendo con nocciole spezzettate.



lunedì 3 luglio 2017

Le camille al farro (senza burro)


Ogni volta che passo tra gli scaffali del super, l'occhio cade sulle merendine. E ogni volta, faccio l'elenco di quelle già fatte, tutte ottime a partire dai pangoccioli con lievito naturale o senza, alle nastrine, dai flauti  ai buondì!
E le camille? Non le ho ancora fatte ... bisogna rimediare!
Ed ecco dunque, che anche sfidando le temperature proibitive di questi giorni, ho sfornato le mie camille con farina di farro, anche per iniziare a svuotare la dispensa, e senza burro.
Buone, leggere umide e sane!
E siccome tra i ragazzi, uno non può mangiarle perché allergico alla frutta secca, l'altro non ama le carote; la produzione tra merendine e torta, è tutta mia!! 😃😃😃

INGREDIENTI:

- Carote al netto degli scarti, 250 g
- Mandorle e nocciole senza pelle, 100 g in tutto
*Oppure 100 g di farna di mandorle
- Olio di riso, 80 ml (o di arachidi)
- Succo di frutta ACE, 100 ml
* Quando è stagione si può sostituire con 100 ml di succo di arance filtrato)
- Farina di farro, 200 g
- Lievito per dolci, 15 g (una bustina)
- Uova medie, 160 g (pari a 3)
- Zucchero di canna, 50 g
- Zucchero semolato, 100 g

- Pulire le carote, sciacquarle asciugarle e tritarle finemente. - 1-
- Polverizzare le mandorle e le nocciole o in alternativa usare tutta farina di mandorle. -1-
- Setacciare la farina con il lievito.
- Frullare parte delle carote con i liquidi. -2-
- Amalgamare gli zuccheri. - 3-
- Montare le uova con gli zuccheri, unire le carote tritate e quelle frullate con i liquidi, poi la farina di mandorle. -4-
- Amalgamare per bene tutto,con l'aiuto della spatola ed infine aggiungere la farina con il lievito.
- Versare il composto negli stampi a mezzaluna oppure in quelli da muffin in alluminio usa/getta e cuocere in forno caldo termoventilato 170°C per 15' oppure statico 180°C per 20'.
- Ho preferito farne 6 e mettere il resto dell'impasto in una tortiera da 18 cm. e cospargendo con zucchero in granella.
- Sfornare, sformare e ... gustare, cospargendo poco zucchero a velo.


lunedì 12 giugno 2017

Rotolo con chantilly e frutti rossi

Dolce passione la mia, che mi porta a pubblicare quasi sempre dolci! 😃 ... Amo fare i dolci, pensarci con largo anticipo per capire se, compatibilmente con i miei impegni, la cosa è fattibile; cercare la variante che possa mettere tutti d'accordo, allergici e non; sfogliare i tanti libri, le riviste o sbirciare sul web ... Insomma, fare dolci per me è tutto questo!
Detto questo, e facendo i conti anche con il caldo, ho pensato questa volta, di portare in tavola un rotolo farcito con crema chantilly alla panna e frutta di stagione (in questo caso ciliegie e amarene). Un dolce delicato, ben bilanciato nei sapori e che ha messo tutti d'accordo.

La scelta della chantilly alla panna, non è casuale in quanto volevo un dolce leggero e veloce.

Sapete vero che la vera chantilly è formata da semplice panna fresca, zucchero a velo e vaniglia? E che di conseguenza, quella che noi utilizziamo più spesso con la crema pasticcera è in realtà la crema diplomatica o chantilly all'italiana? Bene, ora lo sapete :)))))))))))

INGREDIENTI: teglia forno 24x31

- Uova, 155 g (3 medie)
- Farina tipo 1, 70 g (va bene anche la 00)
- Zucchero, 75 g
- Fecola, 5 g
- Buccia grattugiata di limone, q.b.

* Se serve più grande basta raddoppiare le dosi

-  Scaldare uova e zucchero fino a 40°C mescolando, poi montare con le fruste fino a quando le uova non saranno diventate bianche  e la massa scriverà (foto 1) .metodo  Montersino, circa 10'
- Preriscaldare il forno a 180°C Io cuocio in termoventilato, altrimenti portate a 190°C statico.
- Unire la buccia del limone (foto 2) e mescolare delicatamente con la spatola.
- Aggiungere le polveri setacciate, incorporandole con movimenti delicati in 2/3 volte per non smontare la massa. -  (foto 3)
- Livellare delicatamente la massa nella teglia rivestita di carta forno e cuocere per 8' ca (dipende dal forno). - (Foto 4)
- Sfornare il dolce e delicatamente togliere la carta forno, poi con l'aiuto di un canovaccio arrotolare stretto e mettere in frigo.

Crema Chantilly:
- Panna fresca da montare, 250 ml
- Zucchero a velo, 50 g
- Vaniglia in polpa, q.b. (Siate generosi)
- Pannafix, una bustina (potete anche ometterla, ma date le temperature alte, la consiglio)

- Iniziare a montare la panna con lo zucchero a velo e la vaniglia; a panna semi-montata, unire la pannafix e finire di montare.

Per Farcire:
- Ciliegie, una trentina
- Amarene, una ventina
- Grue di cacao, q.b. (oppure granella di cioccolato)

- Snocciolare le ciliegie e tagliarle a pezzi e sgocciolare le amarene su un foglio di carta da cucina, poi unirle in un unico piatto e mescolare.
- Srotolare delicatamente il rotolo, farcirlo con uno strato abbondante di crema,(lasciandone da parte un po' per la decorazione finale) cospargere di granella e frutti rossi.
- Arrotolare delicatamente, coprire con pellicola e tenere in frigo fino al momento di servire.
- Decorare a piacere, spolverizzare con poco zucchero a velo e servire.


Questa crema, è estremamente versatile, è la farcitura ideale del profitterol e non ha uova ne farine per cui è adatta anche agli intolleranti al glutine o alle uova.







mercoledì 24 maggio 2017

Torta stracciatella


Lo so, iniziano i primi caldi ... ma io ho ancora un bel po' di cioccolato dell'uovo di Pasqua da smaltire!
Come mai? E' presto detto: era così bello che mi dispiaceva romperlo!
Da qualche giorno però lo abbiamo rotto ed assaggiato, e quindi per non rischiare di doverlo mettere in frigo,compromettendo così la sua bontà,  mi sto divertendo a far dolci!😊😊
Niente di complicato, solo delle sane torte da colazione o merenda.
La più gettonata è questa torta stracciatella che può essere fatta sia usando lo yogurt che la panna.
 Io l'ho fatta sia con lo yogurt (al naturale usato per la cheesecake) che con la panna, e devo dire che il risultato, usando la panna è più delicato al palato. Ma è solo una questione di gusto!
Voi provate anche se non avete cioccolato da smaltire, perché vanno benissimo anche le gocce!

INGREDIENTI Stampo da 22 cm  di diametro

- Farina tipo 1, 200 g (potete anche usare la 00)
- Fecola di patate, 50 g
- Uova medie, 163 g (3 in tutto )
- Panna fresca, 200 ml (sostituibile con yogurt bianco al naturale)
- Zucchero semolato, 150 g
- Olio di riso, 70 ml (sostituibile con olio di semi o burro fuso)
- Lievito per dolci, 16 g
- Cioccolato fondente tritato a coltello, 150 g (o gocce)
- Zucchero a velo, q.b.

- Tirare fuori le uova dal frigo almeno un'oretta prima così montano meglio e più velocemente.
- Tritare a coltello il cioccolato a pezzi piccoli e metterlo da parte.
- Setacciare in una ciotola farina, fecola e lievito e mescolare.
- Intanto accendere il forno a 170°C se termoventilato o 180°C se statico
- Con le fruste elettriche, montare a spuma le uova intere con lo zucchero fino a far diventare quasi bianco il composto; unire a filo la panna, poi l'olio ed infine le polveri in tre volte.
- Aggiungere il cioccolato, amalgamando con una spatola anche per pulire i bordi della ciotola dagli eventuali residui di farina.
- Ungere con poco olio ed infarinare la tortiera, quindi versare il composto di stracciatella.
- Cuocere in forno per 35'ca se termoventilato o 45' se statico. Vale sempre la prova stecchino.
- Sfornare, sformare tiepido e far raffreddare su una gratella.
- Decorare a piacere con zucchero a velo.

mercoledì 17 maggio 2017

Cheesecake allo yogurt e panna con frutta fresca

Il tempo passa in fretta, le cose da fare si accavallano e il tempo per stare al pc per caricare le foto e scrivere un post, diventa sempre più difficile!
E quindi è passata da poco la festa della mamma, ed io sono riuscita a preparare questo post soltanto ora!
 Poco male in realtà, dato che il dolce che ho realizzato è la cheesecake allo yogurt con marmellata ai frutti di bosco  decorata con frutta di stagione; quindi fragole e ciliege. E si sa, che la cheesecake è uno dei dolci più facili e freschi da fare non appena il caldo inizia a far capolino.
Ovviamente quello che conta è la base, perché poi la si personalizza con ciò che più piace: confetture, coulis di frutta, salsa mou ecc...
Per cui, munitevi di ciotola, fruste elettriche e fantasia, e preparate questa fantastica cheesecake!!

INGREDIENTI:
Base
- Biscotti secchi, 280 g (ho usato frollini che avevo in casa)
- Zucchero di canna grezzo, 50 g
- Burro fuso, 125 g
Farcia
- Yogurt bianco intero, 250 g
- Panna fresca, 200 ml
- Zucchero a velo vanigliato, 60 g
- Gelatina in fogli, 2 g (1 foglio Paneangeli)
- Latte fresco, 40 g
Inoltre
- Confettura ai frutti di bosco, 300 g ca.
- Frutta fresca
- Cioccolato fondente per decorare, 60 g (facoltativo) fuso*

- Polverizzare i biscotti, unire lo zucchero e mescolare; infine aggiungere il burro fuso intiepidito.
Amalgamare bene tutti gli ingredienti e versare questo composto nella tortiera possibilmente a cerniera, foderata di carta forno.
- Compattare bene, aiutandosi con il dorso di un cucchiaio e mettere in frigo a rassodare per 1/2 ora circa.
- Nel frattempo, mettere a bagno il foglio di gelatina in acqua fredda. Scaldare il latte e far sciogliere la gelatina ormai ammollata e strizzata.
- Semi-montare la panna con lo zucchero a velo e unirla allo yogurt posto in una ciotola. Amalgamare il tutto.
- Versare il composto di panna e yogurt sulla base di biscotti e riporre in frigo a rassodare.
- Passata un'oretta, versare sulla base la confettura e livellarla con la spatola. Rimettere in frigo.
- Prima di servire, decorare a piacere con frutta fresca lavata e asciugata.

-* Per realizzare i cuoricini al cioccolato fondente, con l'aiuto della spatola, stendere il cioccolato sciolto a bagnomaria o al micro, su un foglio di carta forno o sul tappetino di silicone; attendere che rassodi ma non completamente ed esercitare una leggera pressione con le formine scelte. Non appena il cioccolato sarà completamente indurito, staccare delicatamente.


mercoledì 3 maggio 2017

Zucchine tonde ripiene



Come dico spesso, non si vive di soli dolci! Per cui, pur essendo la pasticceria una mia grande passione, ogni tanto pubblico anche qualche piatto salato! 😉

Adesso poi, che andiamo incontro alla primavera, (o dovrei dire che cerchiamo di rincorrerla perché sembra scappare?!) è quasi un dovere morale pubblicare anche qualche piatto leggero, magari a base di verdure.

Ecco dunque le zucchine tonde ripiene, dove per il ripieno ho usato grano tipo Kamut, piselli e un po' di salsiccia di Norcia per rendere il piatto un po' più accattivante. Ovviamente, questa è solo un'idea! Di solito, vale sempre la regola del buon senso e del gusto personale, per cui se la salsiccia non piace, si può omettere; se non avete il grano Kamut, potete sostituirlo con riso o farro o un altro cereale di vostro gusto! Insomma una ricetta facile e versatile.

Accendete i fornelli e seguitemi!

INGREDIENTI:

- Zucchine tonde, 4
- Piselli surgelati,  100 g
- Salsiccia di Norcia,  1 pz
- Grano tipo Kamut, 100 g
- Uovo, 1
- Parmigiano grattugiato. 2 cucchiai
- Sale, pepe
- Cipolla, q.b.
- Olio d'oliva, q.b.

- Lavare e asciugare le zucchine, cuocerle al vapore (in microonde per 2' con funzione vapore o in pentola a pressione con un filo d'acqua per 5' dal fischio) e lasciarle raffreddare.
- Lessare il grano di Kamut in acqua bollente leggermente salata, seguendo il tempo indicato sulla confezione.
- Nel frattempo, soffriggere poca cipolla tritata con due cucchiai d'olio, unire i piselli e la salsiccia privata del budello e sgranata e cuocere a fuoco lento per 5' ca. Aggiustare di sale e pepe.
- Tagliare la calottina delle zucchine e svuotarle delicatamente con un cucchiaio.
- Riunire tutti gli ingredienti in una ciotola, a compresa la polpa delle zucchine, aggiungere l'uovo intero, il parmigiano e amalgamare il tutto.
- Con l'ausilio di un cucchiaio, riempire le cavità delle zucchine, spolverizzare con poco parmigiano, e cuocere in forno, per 15' ca, o comunque fino a doratura della superficie.
- Chiudere le zucchine con le calottine tenute da parte e servire.


mercoledì 19 aprile 2017

La granola per la prima colazione



Come detto ormai tantissime volte, fare la colazione è fondamentale e renderla gustosa e accattivante per me è sacrosanto.

Pertanto mi sono cimentata, con ottimi risultati di gusto, nella preparazione della granola a base di farro e riso soffiati e frutta secca a volontà.

Sana nutriente e senza grassi "strani", come piace a noi!

La base di partenza è presa da Dissapore, poi l'ho modificata in base al mio gusto personale.

Vale la pena provarci, e poi c'è più gusto a farsela da se!😋

INGREDIENTI

- 250 g tra Riso e farro soffiati,
(potete anche usare fiocchi d'avena, kamut ecc.)
- 250 g Frutta secca mista (nocciole, mandorle, pistacchi ecc.) tritata a coltello grossolanamente
- 50 g Frutta disisdratata (uvetta, mirtilli ...)
- 2 cucchiai di Zucchero di canna
- 2 cucchiai di olio d'oliva delicato,
- 4 cucchiai di miele d'acacia o sciroppo d'acero
- 100 ml di acqua

- Accendere il forno a 150°C.
- Mescolare in una ciotola ampia i cereali, la frutta secca e lo zucchero.
- Mettere sul fuoco una pentola con acqua, miele (o sciroppo) e olio; portare ad ebollizione e far sobbollire lentamente per 5' ca.
- Togliere dal fuoco e versare questa miscela nella ciotola contenente gli altri ingredienti e mescolare con cura.
- Se usate la frutta disidratata, vi consiglio di metterla a bagno in poca acqua sia per sciacquarla e sia per renderla più morbida, tanto poi seccherà in forno.
- Ricoprire la teglia del forno di carta forno, e versare tutto il mix eccetto la frutta disidratata; livellare senza schiacciare troppo e infornare.
- Rivoltare dopo 10'.
- Dopo 30' ca, (sempre mescolando velocemente ogni 10') aggiungere la frutta disidratata scolata e lasciare in forno per altri 15' ca, mescolando di tanto in tanto per evitare di far seccare tutto.
- Se volete una granola agglomerata, lasciate raffreddare in forno, poi riponete il tutto in barattoli di vetro.

- Volendo, potete aggiungere anche gocce di cioccolato prima di riporre in barattolo. Io le prime volte, la univo al mix prima di infornare con inevitabile scioglimento 😩

martedì 4 aprile 2017

La ciambella pasquale ovvero ... il pizzo palumbo

 

Fino allo scorso anno, non conoscevo affatto questo dolce, pur abitando a pochi chilometri dal paese, Lucera in provincia di Foggia, dove invece regna sovrano su ogni tavola il giorno di Pasqua.

Poi, complice un amico di mio figlio che glielo ha fatto assaggiare, e visto il suo entusiasmo nel descrivermi la bontà del dolce, mi sono attivata, documentata, ed ho scoperto che è molto diffuso in tutta la Daunia...per cui dovevo assolutamente farlo ... ed eccolo qua!

Essendo un dolce della tradizione, ha pochissimi ingredienti ed un'esecuzione veramente semplice, adatta a tutti. Ma sulla bontà e su quanto sia soffice ... credetemi; è pazzesco! Straordinario a colazione😏😉Inoltre è senza lattosio per cui è adatto agli intolleranti.

Quindi quest'anno, oltre alla pastiera, alla colomba e all'immancabile uovo di Pasqua, sulla mia tavola campeggerà anche U pizz Palumb (in dialetto) letteralmente pezzo di colomba.


INGREDIENTI: per uno stampo a ciambella da 26 cm

- Farina tipo 1, 250 g
- Fecola, 50 g
(in ricetta è indicata farina 00 nella dose di 300 g)
- Zucchero, 190 g
- Uova medie, 3
- Latte senza lattosio, 100 ml
(sostituibile con latte intero)
- Olio di riso, 125 ml
(oppure olio di semi)
- Lievito per dolci, 1 bustina
- Scorza di 1/2 limone
- Polpa di vaniglia, q.b.

Per il Naspro (glassa)
- Albume, 1
- Zucchero semolato, 250 g
- Poche gocce di limone
Inoltre
- Codette colorate per decorare


- Montare le uova con lo zucchero, per almeno 10', aggiungere l'olio a filo sempre mescolando con le fruste, poi unire il latte ed infine le polveri (farina, fecola e lievito) setacciate. Unire la scorza del limone e la vaniglia.
- Se avrete montato a lungo le uova con lo zucchero e inserito gli altri ingredienti come indicato, otterrete un impasto quasi bianco, omogeneo e senza grumi.
- Imburrare ed infarinare lo stampo, quindi versare l'impasto e cuocere in forno caldo a 175°C per 25' (termoventilato) oppure 180°C per 30' (statico); vale sempre la prova stecchino che dovrà essere asciutto.
- Qualche minuto prima di sfornare il dolce, preparare il naspro, mescolando velocemente gli ingredienti tra loro.
- Sfornare il dolce, attendere una decina di minuti e sformarlo poggiandolo su una gratella con un piatto sotto.
- Versare il naspro su tutta la superficie della ciambella e decorare con gli zuccherini colorati.

P.S. è ancora soffice  dopo 4 giorni in credenza 

giovedì 23 marzo 2017

La Red Velvet ...la rossa che conquista


Ed ecco che anche la famosa Red Velvet cake è finalmente comparsa sulla mia tavola!

Perfetta per la festa degli innamorati o per la festa della mamma, ma anche (perché no?!) per un compleanno, questa torta vi conquisterà sicuramente, come è successo a noi quando l'ho preparata (ebbene sì, era S. Valentino 😅).

La famosa torta di origine americana è particolare per il suo intenso colore rosso dato, quando ancora non si usavano i coloranti alimentari, dal succo della barbabietola rossa! Inoltre, è talmente soffice che non necessita di nessuna bagna 😉
Va da  se, che oggi grazie all'uso dei coloranti, la barbabietola rossa non compare più tra gli ingredienti.
La farcia solitamente è una crema bianca  a base di formaggio spalmabile o mascarpone e panna ...ingredienti che qui a casa non amano particolarmente e che ho quindi sostituito con la mia spettacolare crema al latte, senza uova, che riscuote sempre un grande successo.

Quindi, leggete la lista degli ingredienti, e stupite i vostri cari!

Sono partita da qui ... poi ho apportato le mie modifiche

INGREDIENTI
Per la red velvet
- Farina tipo 1 (oppure 00), 350 g setacciata
- Zucchero semolato, 280 g
- Latticello, 250 g
(oppure 125 g yogurt magro + 125 g latte parz. scremato + 1 cucchiaino di limone) * ho usato latte e yogurt senza lattosio
- Aceto di mele o bianco, 1 cucchiaino
- Uova, 2 grandi (120 g)
- Olio di riso, 200 ml (o altro olio delicato)
- Bicarbonato, 1 cucchiaino
- Colorante rosso in polvere, q.b. (dipende dalla marca)
- Cacao amaro in polvere, 2 cucchiai rasi
- Vaniglia q.b.
- Sale,  un pizzico.

- La combinazione chimica  bicarbonato/aceto, aiuta la lievitazione. E non preoccupatevi!
l'aceto non si percepisce minimamente.
- Attenzione a non lavorare eccessivamente gli ingredienti altrimenti la resa non sarà soffice e umida.

- Preparate il latticello: mescolare gli ingredienti in una ciotola, coprire e lasciare riposare a temperatura ambiente per mezz'ora.
- Intanto lavorate con l'ausilio della planetaria o delle fruste elettriche le uova con lo zucchero e l'olio, unite il latticello e la farina miscelata al cacao in due volte. Lavorare a bassa velocità.
- In una ciotolina, unite il bicarbonato all'aceto, mescolate velocemente (l'unione dei due elementi creerà una leggera schiuma) e versate nell'impasto.
- Unite a questo punto il colorante rosso, procedendo per gradi, aggiungere mezzo cucchiaino all'impasto e mescolare, poi regolatevi se aggiungerne altro.
- Ultimare l'impasto aggiungendo il pizzico di sale e la vaniglia.
- Ungete lo stampo in cui volete cuocere la torta, io ho usato uno stampo particolare a ciambella, oppure dividete l'impasto in 3 teglie da 18 cm di diametro e cuocete in forno caldo a 170°C per 30' ca (fate la prova stecchino).
- Sfornate, e sformate.

Per la crema di latte e miele
- Latte intero o parz. scremato, 400 ml
- Panna fresca, 150 ml
- Miele, 1 cucchiaino
- Zucchero, 80 gr (meglio se extrafine)
- Amido di mais, 40 gr
- Vaniglia in polpa, q.b.

- Il procedimento estremamente semplice lo trovate qui

- Non appena la ciambella è pronta, tagliatela in due e farcitela con la crema. Mentre se optate per le tre tortine da 18 cm dovete mettere la crema tra una tortina e l'altra creando una piccola torre (torta-crema-torta-crema-torta).

- A questo punto non vi resta che decorare la Red Velvet seguendo la vostra ispirazione! Io ho usato le fragole, che guarda caso sono rosse e abbinate alla torta sono fantastiche! 😋


venerdì 3 marzo 2017

Cantucci ai pistacchi e cioccolato

Ogni tanto la mia biblioteca "culinaria" si arricchisce di un nuovo libro.😉
L'ultimo arrivato è "Che paradiso è senza cioccolato?" di E. Knam", e sfogliando le pagine ho scelto di fare questi cantucci ai pistacchi.
Sono andati letteralmente a ruba ... e non scherzo!
Hanno una friabilità pazzesca e il connubio del cioccolato con i pistacchi è semplicemente fantastico.
Sono anche molto semplici da fare e se fate la dose intera, che consiglio caldamente, vengono fuori circa 60 pezzi.
Ai fornelli dunque! 😃

INGREDIENTI 60 pezzi ca.

- Farina setacciata tipo 1 o 00, 300 g
- Zucchero semolato, 225 g
- Uova medie intere, 2
- Pistacchi, 375 g
- Cioccolato fondente tritato a coltello o in gocce, 60% di cacao, 150 g (ho usato metà gocce e metà tritato)
- Vaniglia, 1/2 bacca
- Ammoniaca per dolci, 8 g (diluita in poco latte)

- Porre in una ciotola, le uova con lo zucchero e scaldare a bagnomaria mescolando. Quando la T. avrà raggiunto i 45°C montare con la frusta.
Se non possedete il termometro, togliete dal frigo le uova almeno due ore prima e poi montatele con lo zucchero per almeno 20' ma non a bagnomaria. Le uova dovranno essere praticamente bianche, leggere e spumose.

- In un'altra ciotola mescolate gli altri ingredienti.
                                                                                                   
- Unite i due composti e lavorate a mano o con la planetaria.
- Formate dei cilindri con l'impasto ottenuto e disponeteli su una teglia rivestita di carta da forno e cuoceteli in forno caldo a 180°C statico per circa 12' o 175°C termoventilato per 10'.
- Tirate fuori dal forno, lasciate intiepidire per 5' poi, quando sono ancora caldi tagliate obliquamente i cilindri. Non aspettate che si raffreddino  altrimenti si sbriciolano.
- Tostate in forno per 8' ca, 4' per lato.
- Si conservano nella scatola di latta, se ci arrivano, per giorni e giorni.




Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina