mercoledì 19 ottobre 2016

Drip cake per un diciottenne speciale


Scegliere di fare una torta per festeggiare le persone che ami è sempre una bella sfida, se poi la persona in questione è un pezzo di te che ha raggiunto un traguardo importante non puoi uscirtene con una tortina da niente!

Questo ho pensato quando ho deciso di realizzare la torta per il diciottesimo di Alessandro e quindi l'ho stupito con la golosa Drip cake, tanto di moda in questo periodo.
Una gioia per gli occhi e per il palato!
La torta in questione è originaria dell'Australia dove Drip sta per goccia/gocciolante ... ed infatti la sua prerogativa è quella di essere una torta alta, stuccata solitamente di crema al burro e ricoperta di glassa gocciolante. Sopra poi è sormontata da tutto ciò che la fantasia suggerisce ... fiori in pasta di zucchero, cioccolatini o biscotti vari, frutta ... tutto in maniera abbondante.
La mia non è la classica drip cake, perché l'ho stuccata con una goduriosa ganache di cioccolato al latte e non avendo, per motivi di tempo, la possibilità di cuocere due o tre piccole torte da assemblare una sull'altra, ho fatto la chiffon cake  che essendo soffice ma sostenuta non ha bisogno di essere bagnata, usando lo stampo del Gugelhopf.
Farcita semplicemente con una crema al latte e miele, (ottima anche per la torta kinder) è stata spazzolata in men che non si dica!
Provate anche voi, perché non è difficile da fare ma vi farà fare un figurone!

INGREDIENTI
Per la Chiffon cake:
- Farina tipo 1, 290 gr (oppure una 00)
- Zucchero, 300 gr
- Uova, 6
- Olio di riso, 100 ml (oppure di semi)
- Acqua, 175 ml
- Lievito per dolci, una bustina
- Cremor tartaro, 8 gr
- Sale, un pizzico
- Vaniglia, polpa di mezza bacca

- Montare le chiare a neve con un cucchiaio di  zucchero (preso dal totale) e mettere da parte;
- Montare i tuorli con lo zucchero rimasto, unire i liquidi ed infine le polveri setacciate e la vaniglia.
- Unire con movimenti delicati dal basso verso l'alto gli albumi montati a neve, a più riprese e versare il composto nello stampo da Gugelhopf senza ungere.
- Cuocere in forno con la funzione pasticceria per 40' ca oppure a 180°C per 40/45' (dipende dal forno).
 - Sfornare e far raffreddare a testa in giù (lo stampo ha dei piedini adatti all'uso).

Per la crema al latte e miele:
- Latte intero o parz. scremato, 400 ml
- Panna fresca, 150 ml
- Miele, 1 cucchiaino
- Zucchero, 80 gr (meglio se extrafine)
- Amido di mais, 40 gr
- Vaniglia in polpa, q.b.

- Scaldare 300 ml di latte con lo zucchero, il miele e la vaniglia; a parte setacciare l'amido per togliere i grumi e mescolarlo al latte rimasto con una frusta. Unire latte e amido a quello caldo e lasciare addensare a fuoco dolce, mescolando con la frusta.
- Coprire con pellicola a contatto e raffreddare prima a t.a. poi in frigo. Nel frattempo montare la panna ben fredda e poi unire delicatamente alla crema anch'essa fredda.

Ganache al cioccolato a latte
- Panna fresca, 250 ml
- Cioccolato al latte tritato, 200 gr

- Portare al limite del bollore la panna posta in un tegame dal fondo spesso, poi versarla in due/tre volte sul cioccolato tritato mescolando. Lasciar raffreddare a t.a. poi montare con le fruste.

Ganache al cioccolato 
- Panna fresca, 250 ml
- Cioccolato fondente, 200 gr

- Stesso procedimento di sopra, ma non occorre montare.

Montaggio del dolce
- Tagliare la chiffon cake in tre dischi, farcire due dischi con la crema al latte, posta nel sac-a-poche (per avere tutti gli strati uguali) e coprire con l'ultimo disco.

- Stuccare la torta con la ganache al latte aiutandovi con una spatola (se avete un supporto girevole su cui poggiare la torta - tipo il tagliere Ikea - il lavoro sarà decisamente più facile.
- Lasciar colare la ganache fredda e leggermente soda dal centro verso i bordi (ovviamente nel caso in cui usate lo stampo forato partite dai bordi del foro verso l'esterno della torta) e poi decorate come più vi aggrada. Io ho usato biscotti Oreo, Barrette varie ecc ... tutti alimenti che non contenessero frutta secca.
Buon divertimento e buon appetito!

Nessun commento:

Posta un commento

Mi farebbe molto piacere se lasciaste traccia del vostro passaggio, con un commento, un saluto o anche una critica (se costruttiva e non offensiva).
-Sabrina.

Printfriendly

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La cucina di Sabrina